Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2010

LESS IS MORE

Immagine
E' veramente difficile trovare una frase più rappresentativa del lavoro di una persona quale questa frase di Ludwig Mies van der Rohe, famoso architetto tedesco.
Allo stesso  tempo appare quasi impossibile che una frase tanto assoluta, ai limite del dogmatico, possa affascinare tanto una persona come me, che con le regole ha sempre avuto dei grossi problemi.

Per quanto ami fare dei distinguo sempre ed in ogni occasione, sinceramente non riesco proprio a trovare un difetto ad una frase che spesso penso dovrebbe guidare la vita di ognuno di noi... anche se non posso negare che a volte l'abbondanza è stata in grado di generare opere veramente affascinanti, proprio per la loro assoluta inutilità.

C'è un fascino indicibile però, nell'opera di Mies van der Rohe: il fascino dell'archetipo, dell'essenza stessa delle cose riportata alla luce. L'anima dell'architettura, degli spazi e delle attività che ospita.

OK, lo so... parlo da architetto e tutto ciò risulte…

accendiamo l'energia

Ecco qui un interessantissimo documentario sull'energia e sulle possibilità offerta dalle energie rinnovabili

Engineair: novità da Angelo di Pietro?

Rieccoci qua a parlare nuovamente del motore rotativo ad aria compressa dell'ingegner Angelo di pietro, del quale ormai i frequentatori di questo blog conosceranno la mia passione.
Passione soprattutto per l'eleganza del design e delle soluzioni tecniche utilizzate, oltre che per l'elevata resa e semplicità costruttiva di questo motore... più che per le reali possibilità di utilizzo di un motore ad aria compressa, per via di tutte quelle limitazioni (potenza specifica immagazzinata nell'aria compressa, perdita energetica durante la compressione dell'aria ecc.).
Nonostante tutto è semplicemente straordinario come una macchina tanto piccola, semplice ed economica possa avere delle così grandi potenzialità
Comunque sia, per tutti quelli che come me sono appassionati di questa elegante macchina, riporto qui un video per me nuovo degli sviluppi di questo motore.



A sentire dal video, sembra che adesso di Pietro stia studiando di installare i suoi motori su un muletto.

Terremoto all'Aquila: per amor di verità, per necessità di ricominciare a vivere

Kitegen: aggiornamenti

Immagine
Rieccoci qui a parlare del kitegen stem, la nuova centrale elettrica che sfrutta i venti d'alta quota, purtroppo non con le notizie che in molti attendevamo.
Siamo ormai a quasi un anno, dalla data nel quale era previsto l'inizio del montaggio della centrale a Berzano San Pietro, da allora si sono succeduti molti avvenimenti e non tutti buoni.

Innanzi tutto sono arrivati i primi problemi legati alle autorizzazioni comunali, che hanno limitato l'altezza raggiungibile dagli aquiloni a 200 metri in luogo degli 800-1000 richiesti. Problema che però non sarebbe stato molto grave, visto che per i primi tempi lo stem sarebbe servito a collaudare i meccanismi di guida e controllo della posizione dei kites da terra... nell'attesa di un ampliamento dei permessi o della prossima disponibilità di nuovi siti.

I lavori sono quindi partiti, ma praticamente subito alcuni vicini hanno richiesto l'intervento della forestale con l'accusa dell'apertura di un nuovo sentiero, acc…